Il ritorno delle ricette vintage: dai social ai fornelli, il perché di un successo

Grazie ad alcuni influencer che spopolano sui social, sono tornate in voga alcune ricette che si usavano anche nei secoli precedenti, per piatti che non passano mai di moda

La pandemia, oltre che portarci una quantità di problemi collaterali, ha dato modo ad ognuno di noi di scatenare la fantasia e dedicarsi magari a qualche hobby tenuto nel cassetto proprio per la famosa mancanza di tempo che attanaglia la nostra giornata quotidiana. Chi non ha provato a preparare qualcosa di nuovo ai fornelli durante quei giorni così lunghi e soprattutto tutti così uguali?

Ricette vintage
Sui social spopolano le ricette vintage – Notizie.com –

C’è poi chi, come Dylan Hollis, 27 anni, originario delle Bermuda, è riuscito a diventato una star da 9 milioni di follower spopolando sul social più in voga del momento TikTok con la sua “cucina vintage”, proveniente direttamente da ricettari che risalgono anche al XX secolo. Ai fornelli probabilmente non si inventa più nulla, semplicemente le riproduce a modo suo.

Il vintage è tornato di moda anche in cucina

Studente americano
Lo studente americano che spopola sui social – Notizie.com –

Ora si googla su internet, si segue quel blog di cucina, si sfogliano centinaia di ricette online che spiegano passo passo come, quando e perché utilizzare certi ingredienti piuttosto che altri e più o meno tutti ora potremmo fare un risotto allo zafferano o quell’Apple pie tanto buona mangiata in quella vacanza oltreoceano. Una volta c’erano libri, ritagli, appunti che, prima le nostre nonne, poi le nostre mamme, conservavano gelosamente, archiviandole con cura maniacale. E poi c’era la nostra memoria, perché ogni  piatto evoca un episodio, un ricordo, un affetto che magari non c’è più. Oggi si trova tutto online, ma forse anche per questo è tornata la voglia di riassaporare sapori del passato, piatti che non si ha più il tempo di preparare costretti  a scegliere una cottura più rapida e una preparazione più semplice.

Il fenomeno social

Oltre ai programmi contest di cucina sono esplosi i fenomeni social, persone che sono riuscite ad avere migliaia di followers semplicemente spiegando e cucinando in diretta alcune ricette. L’ultimo di questi casi è più particolare. Dylan Hollis, studente di musica a Laramie nel Wyoming, ha scelto TikTok per condividere i suoi testi di cucina. Ma non sono testi come gli altri bensì ricettari di cucina che vanno dal 1800 al 1960, libri scovati nei mercatini e con i quali ha coinvolto ben 9 milioni di followers. Tutto è cominciato  con una prima, semplice ricetta: quella del gelato. Poi è arrivata la tuna salad del 1969, proprio quella del Texas Community Cookbook. Gelatina, cipolla, cetriolo, sedano, molto tonno, tipicamente americana. Il risultato fu esteticamente sgradevole così come l’assaggio non sembrò un granché. Ma gli fece portare a casa oltre 1 milione di visualizzazioni. Da lì per Hollis fu un crescendo di ricette sempre più antiche e strane, e sempre più visualizzazioni. Adesso le video ricette del ragazzo continuano a spopolare.

Impostazioni privacy