Fiumicino, biglietto unico per aereo e treno

A Fiumicino si realizza qualcosa di mai accaduto prima, nasce un biglietto unico per aereo e treno: ma in che modo funziona?

Si tratta di qualcosa mai successo prima che certamente oltre che essere un passo in avanti, potrà aiutare moltissimi viaggiatori a ridurre i tempi di prenotazione e anche di scelta del mezzo da utilizzare.

Biglietto aereo
Novità importante per quanto riguarda i biglietti – Notizie.com

A Fiumicino infatti si può facilmente passare da un aereo al freccia rossa con un solo biglietto unico che vale per entrambi e quindi lasciare la valigia alla stazione del Leonardo da Vinci, rilassarsi al terminal con un po’ di shopping o in uno dei ristoranti dei nuovi terminal, e ritrovare i bagagli direttamente alla destinazione finale, che sia Londra, Parigi, Tokyo, Pechino o Rio de Janeiro.

Insomma davvero qualcosa di unico che parte proprio da Roma, nella Capitale questo è stato reso possibile dal lancio di Fco Connect”, ovvero il nuovo programma di intermodalità voluto e presentato da Adr, Ita Airways e Trenitalia.

Biglietto unico arriva a Fiumicino: ecco come funziona

Insomma si tratta di un metodo tutto nuovo anche per viaggiare che con un solo biglietto permette di prendere sia un aereo che un biglietto di treno: ad avere spiegato il tutto, cosi come riporta Leggo.it sono stati l’Ad di Ita Airways Fabio Lazzerini, quello di Adr, Marco Troncone, e l’Ad di Trenitalia, Luigi Corradi.

Biglietto
Ecco come funziona il biglietto unico – Notizie.com –

“Il nuovo prodotto proposto dai tre partner consentirà ai passeggeri di acquistare, su tutti i canali digitali di Ita Airways, come agenzie abilitate, biglietterie o contact center, un biglietto combinato treno+aereo” hanno spiegato i creatori e ancora: “Ai passeggeri che scelgono questa opzione intermodale sarà anche possibile effettuare il check-in per il proprio volo presso il banco dedicato nella stazione ferroviaria dell’aeroporto Leonardo da Vinci per poi proseguire il viaggio in aereo verso la destinazione, esclusi, per il momento, gli aeroporti degli Stati Uniti e di Israele”.

Insomma una vittoria per tutte le società che hanno deciso di prendere parte a questo progetto e un valido aiuto anche per i cittadini che potranno usufruirne: “Fiumicino ne beneficerà perché, in questo modo, potrà attrarre più passeggeri, potrà ridurre i voli domestici, che saranno sostituiti dal treno, e dedicare le risorse recuperate per aumentare l’offerta sui voli internazionali e intercontinentali” queste le parole di Ita Lazzerini.

Impostazioni privacy